Il cammino del re

Dove Andare Le Idee Ultime notizie
4 Gennaio 2021

Il cammino del re

consigliato da Roberto Ioannilli

AMICI CAMPERISTI, un saluto da Roberto Ioannilli. Oggi vi consiglio questo articolo che ho trovato online e condiviso nel nostro gruppo.

ITINERARIO CONSIGLIATO SOLO A GENTE CORAGGIOSA E CHE NON SOFFRE DI VERTIGINI!

Il Caminito del Rey, uno dei sentieri più mozzafiato d’Europa è in Andalusia! – Spagna. Si trova in provincia di Malaga ed è un eccezionale percorso fra le montagne che si snoda su sentieri, passerelle e ponti a ridosso delle pareti rocciose del Desfiladero de los Gaitanes. Questo sentiero è considerato fra i più avventurosi e mozzafiato d’Europa: ti basti pensare che le passerelle in alcuni punti sono larghe appena un metro e che in altri sono sospese a 100 metri di altitudine sul fiume.

L’entrata

Oggi le escursioni sono sicure e adatte anche a persone non professioniste, purché si rispettino le regole della guida e, ovviamente, del buonsenso. Chiaramente sconsiglio vivamente il percorso a chi soffre di vertigini, a chi non è abituato a camminare in montagna per diverse ore e a chi, in generale, non è dotato di sufficiente spirito d’avventura.
Agli inizi del Novecento, la Società idroelettrica Chorro costruì una diga e una serie di ponti, passerelle e sentieri per facilitare il passaggio degli addetti ai lavori, il trasporto di materiali e migliorare lo sfruttamento delle acque del fiume Guadalhorce e delle cascate Salto del Gaitanejo e Salto del Chorro.
Re Alfonso XIII nel 1921 inaugurò il tratto percorrendolo interamente e da quel momento il percorso si chiamò Caminito del Rey (Sentiero o Cammino del Re) in suo onore.

Col passare degli anni purtroppo la scarsa manutenzione portò al crollo di parte delle strutture e, dopo alcuni incidenti mortali, alla chiusura dell’intera area.
Ciò nonostante la bellezza selvaggia del luogo ha continuato ad attrarre molti escursionisti e arrampicatori da ogni parte del mondo, rendendo il Caminito uno dei sentieri più pericolosi al mondo.
Il Caminito del Rey oggi è sicuro: dopo la riapertura, l’intero percorso è stato messo in sicurezza ed è accessibile da chiunque ami camminare e non sia spaventato dall’altezza. Il Caminito del Rey è un percorso di 7,7 chilometri che si snoda fra gole e canyon tramite passerelle sospese.

Solo per temerari


Curiosità
Chi ama l’escursionismo e le vacanze attive in Andalusia sa che questo percorso, forse il più famoso dell’area, è in realtà parte del Gran Senda de Malaga, un itinerario diviso in 35 tappe che si snoda nella provincia di Malaga per oltre 650 chilometri.ese sul vuoto e fissate alle pareti rocciose. Si estende in maniera lineare e non circolare: come anticipato, la partenza è ad Ardales e l’arrivo è a El Chorro. Coloro che hanno lasciato l’automobile nel parcheggio di Ardales possono, a fine percorso, usufruire di un bus navetta che da El Chorro riporta al punto di partenza.Dove si trova?
Il Caminito del Rey si trova nella provincia di Malaga ed è parte dei comuni di Ardales, Antequera e Álora.
In media per percorrere l’intero itinerario si impiegano tra le 2.30 e le 4 ore di camminata.

Quali sono i prezzi dei biglietti per il Caminito del Rey?
Il biglietto di ingresso per il Caminito del Rey costa 10 euro a persona. I bambini sotto gli 8 anni non possono partecipare a questo tipo di escursione. Con il biglietto generale acquistabile in loco è possibile entrare e effettuare il percorso in modo autonomo. Quali sono gli orari di apertura?
Il Caminito del Rey è aperto al pubblico dal martedì alla domenica con partenze ogni 30 minuti circa. Il lunedì, il 1 gennaio, il 24, 25 e 31 dicembre il sito è chiuso.

 

Come si arriva al Caminito del Rey?
Il Caminito del Rey segue la direzione nord-sud ed è percorribile solo in un senso: il punto di partenza per il Caminito del Rey si trova a Ardales (entrata nord) mentre l’arrivo è a sud, a El Chorro (Álora).

In auto
Per raggiungere il Caminito del Rey da Malaga in auto basta prendere la A-357 fino a MA-5403, passando per le cittadine di Cártama, Pizarra, Carratraca e Ardales. Sono circa 60 chilometri e si percorrono in 50 minuti. A Pizarra è possibile prendere anche la strada per Álora e continuare fino a El Chorro lungo la A-343. Le strade che collegano quest’ultima parte del percorso, soprattutto fra Álora e El Chorro, offrono una vista mozzafiato e una vegetazione rigogliosa ma hanno molte curve e tornanti.

Godetevi la passeggiata

• La macchina può essere lasciata nel parcheggio di El Chorro per poi prendere l’autobus che porta a Ardales, inizio del percorso. L’autobus impiega circa 25 minuti per raggiungere Ardales. A quel punto inizia la passeggiata per raggiungere la Casetta di Accesso, punto di partenza del Caminito del Rey. Puoi scegliere la passeggiata breve, 1,5 km, o quella più lunga, 2,7 km, fino al punto di partenza. In ogni caso, ti consiglio di considerare un’ora e trenta circa fra il momento in cui parcheggi a El Chorro e l’arrivo alla Casetta di Accesso ad Ardales.  Avendo prenotato l’orario di ingresso e inizio percorso, è fondamentale presentarsi puntuali alla partenza a Ardales.

• La seconda opzione è lasciare la macchina nel parcheggio di Ardales e iniziare una delle due passeggiate fino alla Casetta di Accesso, dove incontrerai il resto del gruppo e potrai poi partire per il Caminito del Rey. In questo caso a fine percorso dovrai prendere il bus che ti riporta da El Chorro a Ardales.

• C’è altro da sapere?
• Scarpe da trekking e abbigliamento comodo sono caldamente consigliati.
• Alla partenza verrà fornito un casco protettivo
• Nel biglietto è inclusa un’assicurazione.
• Non ci sono bagni lungo il percorso.
• Nei casi di forte pioggia o vento le partenze potrebbero essere cancellate.

ℹ️ Dati utili:

Coordinate: N 36.93191°W 4.79015°
Area sosta: Parking Caminito del Rey, Barriada Estación del Chorro 3D, 29552 El Chorro, Andalucia
Contatti: GPS:
N 36.91078, W 4.76099
N 36°54’39”, W 4°45’40”

Hai intenzione di visitare questi luoghi? Scopri la nostra APP, la nostra Premium Card e le nostre convenzioni Europee abbonandoti a Camperisti Italiani Premium
scopri di più cliccando www.camperisti-italiani.com/passa-a-premium

Roberto Ioannilli

A vent’anni il mio primo viaggio destinazione Londra. Il sogno di molti! Finalmente ero un viaggiatore reale e quell’emozione è viva e m’accompagna...