Salento

Dove Andare Ultime notizie
10 Dicembre 2021

Salento

Viaggio in Salento con Franco Parla.

Tappe:

  • San Giovanni Rotondo
  • Manfredonia
  • Alberobello
  • Cisternino
  • Gioia del Colle
  • Polignano a Mare
  • Castel del Monte
  • Cellino San Marco
  • Lecce
  • Le spiagge del Salento

Si parte:

Vi riporto un tour in Salento che ho effettuato in camper in tarda primavera, appena prima dell’estate, riuscendo a godere di un mare favoloso ma senza sovraffollamento. Se aggiungiamo l’eccezionale cucina e la grande ospitalità, allora ecco che abbiamo tutti i presupposti per una vacanza indimenticabile. Nulla vieta di fare questo tour in piena estate, tenendo conto ovviamente dell’aumento di turisti e di camperisti. Vi darò le indicazioni utili per chi volesse visitare in camper questo stupendo angolo d’Italia. Indicherò le località che ho visitato, le aree di sosta camper provate, dove vale la pena mangiare e dove abbiamo trovato il mare più bello. Un viaggio fatto in un periodo ideale, dove non c’è ancora l’affollamento di luglio e agosto. I turisti sono prevalentemente stranieri e ovunque ho trovato dappertutto un’ottima accoglienza. Riporto anche alcune soste che non si trovano in Salento, ma comunque sempre in Puglia, dove ci siamo fermati lungo il percorso.

San Giovanni Rotondo

Il grande Santuario di Padre Pio, progettato da Renzo Piano è da vedere. Abbiamo sostato qualche ora nel Parcheggio del ristorante Lo Chalet. La sosta diurna costa 5€. Se si vuole fermarsi anche la notte e utilizzare tutti i servizi, il costo è di 15€. A richiesta la navetta ti porta al Santuario, ma noi abbiamo preferito fare una camminata, arrivando al Santuario in meno di 15 minuti.

Manfredonia

Non abbiamo visto la città, ma ci siamo fermati per la sosta notturna presso il Camping Lido Salpi (aperto tutto l’anno). Il campeggio è sul mare e c’è una bella spiaggia libera. Ci è sembrato tranquillo. Nel week-end in una zona del campeggio, fanno parcheggiare a pagamento anche le auto dei locali. Al pomeriggio siamo andati a vedere il mare è non ci è sembrato bello, però al mattino l’acqua era trasparente. Manfredonia non è vicina, ma è raggiungibile tramite bus di linea.

 

 

 

 

Alberobello

Un’altra cittadina da non perdere, anche se è molto turistica, ma i suoi Trulli la rendono unica. Abbiamo sostato all’area camper “Nel Verde” molto vicino al centro; 18€ per la sosta con la corrente e carico/scarico. Appena entriamo il gestore ci avvisa: no tavoli o tendalini. La parte superiore del parcheggio è riservata alle auto.

Cisternino

Uno dei borghi più belli d’Italia, molto bello. Un borgo fatto di vicoli e case imbiancate a calce, molto ben tenuto. E fresco. Abbiamo parcheggiato nel grande Parcheggio del mercato. Gratuito. A pochi minuti a piedi dal centro.

Gioia del Colle

(città della mozzarella e del vino) solo di passaggio, non abbiamo visto il centro, ma abbiamo fatto una tappa gastronomica per acquistare al premiato Caseificio Curci, mozzarelle, burrate e scamorze affumicate. Di fronte al punto vendita del caseificio, c’è il Parcheggio di un piccolo supermercato.

 

 

 

 

Polignano al Mare

Centro storico molto bello, costruito sulle scogliere (davvero molto scenografico) foto d’obbligo davanti alla statua di Domenico Modugno. Torniamo al camper per cena e poi ritorniamo in centro per fare ancora due passi per vedere il paese e le scogliere illuminati. Sosta a pagamento in un grande parcheggio in Viale San Francesco D’Assisi. Decidiamo di non fermarci a dormire, perché c’è un chiosco paninoteca che si sta affollando di ragazzi con conseguente via vai di auto e moto.

Castel del Monte

Ci arriviamo alla sera tardi e i due parcheggi per auto, bus e camper (7 € per il camper) sono chiusi e sulla strada c’è il divieto di sosta. Troviamo un grande Parcheggio gratuito (credo che sia quello dell’oratorio) dove c’è già un camper tedesco. È quasi mezzanotte e c’è un silenzio assoluto! Il castello, illuminato, è bellissimo.
Al mattino, dopo aver preso il caffè al bar del parcheggio ufficiale (che finalmente ha aperto), decidiamo di lasciare il camper dov’è e percorre a piedi il chilometro e mezzo (in salita) che ci fa anche bene! Se non si vuole camminare, dal P ufficiale parte anche il bus ad un prezzo molto accessibile (1 € cad.).
Il castello è in posizione dominante ed è spettacolare, una perfezione della geometria, anche se l’interno è spoglio, se si esclude una mostra di tabelle di Fibonacci e qualche riproduzione di alcuni dipinti più o meno famosi.

Tenuta Carrisi (nei pressi di Cellino San Marco)

Qui Al Bano ha ideato una struttura simile ad un villaggio fortificato (visitabile) molto particolare e molto curato, con hotel, ristorante e cantina, dove abbiamo acquistato olio e vino della tenuta. Siamo anche riusciti a vedere la piscina in stile hollywoodiano di Al Bano, generalmente chiusa ai turisti di passaggio. A 500 metri c’è Carrisiland, un parco giochi di proprietà del fratello di Al Bano.

Lecce

Bellissima città, trionfo del barocco, imponenti testimonianze romane. La bella pietra leccese, chiara e calda, conferisce al centro storico un’atmosfera unica. Anche qui tanti negozi, tanti ristoranti, ma anche tantissimi turisti. Pranziamo al “ 900” con Pucce leccesi e pizze. Poi uno strepitoso gelato presso Martinucci, che scopriamo essere una catena molto diffusa in Puglia.

Sostiamo a Lequile (3 km da Lecce) presso l’area camper della Salento Caravan.

Ho apprezzato la tranquillità della sosta in un bell’ambiente in mezzo agli ulivi e lontano dai rumori della città. Lecce è una tappa imperdibile ed è raggiungibile in pochi minuti senza dover spostare il camper, grazie alla navetta del gestore Pierino Caputo che (con un piccolo supplemento) ti lascia proprio davanti all’ingresso del centro storico e poi ti riporta a Lequile. Ho apprezzato la disponibilità del gestore attento alle tue esigenze e prodigo di consigli. Da non sottovalutare anche il fatto che l’area di sosta è adiacente alla Concessionaria Salento Caravan, il che vuol dire possibilità di reperire accessori di consumo o far fare qualsiasi lavoro abbia bisogno il camper. Un altro servizio che ritengo molto interessante è la possibilità di noleggiare l’auto presso la Salento Caravan e quindi lasciare il camper nella tranquilla area sosta e utilizzare l’auto per visitare parte del Salento, tornando a qualsiasi ora si voglia al proprio camper in maniera autonoma.

www.salentosostacamper.com

Centri commerciali: all’andata ci siamo fermati a far spesa al centro commerciale Cavallino (Conad), in località Cavallino, che si trova a Sud di Lecce.
Al ritorno ci siamo fermati al centro commerciale Mongolfiera (Ipercoop) in località Surbo, a nord di Lecce.


Le spiagge:

Torre Collimena

Ci fermiamo all’area camper La Salina, divisa dal mare solo dalla duna e confinante con l’area protetta Saline dei Monaci. Bel mare e ambiente naturale stupendo, siamo solo due camper e nell’area fervono i lavori per la stagione. Il signore più anziano (Pasquale) tiene d’occhio tutto e tutti per far rispettare rigorosamente il regolamento.
La spiaggia è lunghissima e selvaggia, il mare è bello e colorato ma peccato che i soliti maleducati lasciano lattine e rifiuti sulla sabbia. In bici, attraversando il bel sentiero che costeggia la Salina, si raggiunge in poco più di un km il piccolo paese di Torre Collimena, composto prevalentemente da seconde case, pescatori, negozi di pesce e ristoranti più o meno rustici. Il prezzo dell’area è di 14€ + 2 per la corrente (500 watt). Le docce calde costano 1€ e durano pochissimo. Non c’è l’acquedotto (troppo vicina al mare e isolata), arriva una cisterna per il rifornimento ed un’altra porta via i liquami. La posizione però, è bella e tranquilla. Pranziamo a Torre Collimena a base di pesce freschissimo nel rustico ristorante “Caterina”e spendiamo meno di 40€ in due.

 

 

 

 

Punta Prosciutto

Non ci fermiamo nell’area sosta “Saraceno” però per curiosità andiamo a vederla. La posizione è bellissima, un balcone sul mare (rocce) e ad un centinaio di metri dalla stupenda spiaggia di Punta Prosciutto. Ma l’acqua dell’area sosta non è potabile (desalinizzata) e non ha docce calde.

Porto Cesareo

Cittadina con un porticciolo attivo, dominato dall’imponente Torre Cesarea, una via pedonale e un’altra (molto interessante) dedicata alle pescherie, dove viene venduto pesce freschissimo. Abbiamo parcheggiato per qualche ora in una strada laterale a 100 mt dal centro, ma abbiamo visto che al porticciolo, vicino al torre c’è un grande parcheggio. Nardò (Santa Maria al Bagno)  Abbiamo sostato per pranzo, nel piazzale fronte mare, sotto la Torre delle quattro Colonne. Un semplice e grande parcheggio.

Rivabella (poco prima di Gallipoli)

Per due pomeriggi consecutivi siamo andati in questa bellissima spiaggia, un mare stupendo! Peccato che i parcheggi si trovano lungo la strada e arrivarci è un po’ difficoltoso. Strada stretta, credo sia difficile in piena stagione trovare un posto dove parcheggiare il camper. Ma uscendo dal paesino in direzione Gallipoli abbiamo visto due aree sosta auto e camper.

Gallipoli

Bella cittadina su un’isola con negozi turistici. Abbiamo visitato il castello (5€ cad.) una struttura militare imponente ma completamente spoglia all’interno. Abbiamo sostato all’Agricamper Torre Sabea, diviso dal mare (rocce) dalla strada e lontano da tutto, due/tre chilometri dal centro di Gallipoli e altrettanti da Rivabella, ma per Gallipoli c’è la navetta (2€ a persona A/R). L’ambiente all’interno dell’Agricamper è gradevole, un grande giardino ben curato. I bagni sono un po’ datati. Il punto vendita di prodotti dell’azienda era ancora chiuso. Il costo a notte è stato di 18€.

Punta della Suina

Punta della Suina è un bel posto e il mare è invitante. Qui non c’è una lunga spiaggia, ma alcune spiaggette interrotte da scogli. Peccato che sono monopolizzate da bagni a pagamento. Probabilmente camminando si arriva anche a qualche spiaggia libera. Al parcheggio si accede con strada sterrata a fondo chiuso, un semplice parcheggio a pagamento per tutti (auto e camper) a 5€.

Marina di Ugento

Il parcheggio è a pagamento, ma una cinquantina di metri prima, si trova posto gratuitamente in un grande piazzale piastrellato. Spiaggia lunghissima, bellissimo mare e molta più gente dei giorni scorsi, forse per via del ponte del 2 giugno, ma comunque non c’è affollamento.

Maldive del Salento e Torre Vado

La bellissima spiaggia di Marina di Pescoluse. Mare molto bello. Doccia (a pagamento presso il bagno delle Maldive) e poi ci spostiamo presso Torre Vado, dove sostiamo sul porticciolo e usciamo a cena, al ristorante Torreantigua. Mangiamo discretamente (tot. 50€ in due) anche se il servizio è confusionario. Poi ci facciamo un gelatone dall’imperdibile gelateria Martinucci, che dista dal porticciolo 700-800 metri. Sosta libera al porticciolo di Torre Vado.

Santa Maria di Leuca

Non troviamo subito l’ingresso all’area camper (non segnalata) la Cornula e finiamo sul lungomare, imbottigliati dal traffico dovuto ad un grande raduno di moto. Finalmente riusciamo a tornare indietro ma scopriamo che l’area camper è ancora chiusa!! Peccato, perché era vicina al centro e sembrava anche ben tenuta. Allora ci spostiamo al camping Santa Maria di Leuca a 3 km. Molto ombreggiato, bei servizi e bella piscina. Con trasporto gratuito del campeggio (mibinus) andiamo al Santuario, che si trova ai piedi del faro, un balcone spettacolare per questo angolo di Finibus Terrae.

Poi scendiamo a piedi a Santa Maria di Leuca:

per la scenografica gradinata che affianca quella che dovrebbe essere la cascata del terminale dell’acquedotto di Puglia, ma l’acqua è chiusa, quindi la cascata è asciutta. Il paese si presenta con una serie di belle ville, alcune davvero bellissime, altre in fase di recupero, una lunga passeggiata disseminata di bar ed un vivace porto turistico. Ci informiamo e alla fine scegliamo la “Piccola nautica” che farà la costa adriatica con sosta per il bagno alla grotta del Soffio. In realtà il bagno lo faccio solo io perché nel pomeriggio la grotta è all’ombra (infatti la costa adriatica sarebbe meglio farla al mattino e nel pomeriggio fare quella ionica, ma questo lo abbiamo scoperto dopo). L’acqua è limpida ed effettivamente è fresca. Anche a Santa Maria troviamo la gelateria Martinucci, ormai tappa fissa.

Castro Grotta Zinzulusa (ingresso 5€ cad):

stupenda grotta sul mare accessibile tramite un facile percorso a piedi. La visita è guidata e ci sono alcune barche per le escursioni ad altre grotte. Il parcheggio è nell’unico piazzale vicino alle grotte ed è a pagamento (ticket).

Santa Cesarea Terme

Parcheggiamo vista mare, poco prima della grande piazza (oggi c’è il mercato).
Terme e bellissime le ville, alcune veramente da sogno!

 

 

 

 

Otranto

L’area camper è in alto e lontana rispetto al centro. Decidiamo per il parcheggio in via Minerva. Un semplice parcheggio custodito a 6€ per 24h a pochi minuti a piedi dal centro.
Una meta imperdibile, insieme a Lecce è la città più bella del Salento. Mura e torri possenti. Il mare è limpidissimo, il lungomare (pedonale) lungo ed elegante. Il borgo vecchio, affascinante e pieno di negozi. Torniamo in centro anche dopo cena perché è un posto che davvero merita di essere scoperto. Anche qui, gelato dall’immancabile gelateria Martinucci.

Baia dei Turchi

Parcheggiamo presso il Parcheggio auto e camper Belmonte (Mare Alimini) gratuitamente, perché stavano ancora preparandosi per la stagione e non ci hanno nemmeno fatto pagare. Attraversando a piedi la bella pineta, arriviamo ad una lunga spiaggia con un mare davvero molto bello. Ai lati della spiaggia ci sono delle favolose calette.

Torre dell’Orso

Torre dell’Orso come paese, non è niente di che, un piccolo paesino di seconde case ora per lo più vuote. Però ha una bella spiaggia e imponenti scogliere. Vogliamo cenare fuori ma i locali sono pochi e allora proviamo in una pizzeria ristorante che si chiama l’Adriatico. Credo sia stata la peggior pizza del Salento. La pizza di mia moglie probabilmente surgelata (in mezzo era fredda) e la mia paranza, spacciata per fresca, non lo era. Le patatine avevano un odore di rancido, fritte in olio vecchio. La bottiglietta di birra mi è stata servita già aperta e il collo era avvolto in un pezzo di carta! Ovviamente me la sono fatta cambiare. Infine non voleva prendere il bancomat, con la scusa che la macchinetta non funzionava. Ma sono stato irremovibile e alla fine la macchinetta ha funzionato! Altamente sconsigliato!

Ci rifacciamo con un ottimo gelato nella grande gelateria Dentoni.

Sosta presso il Parco camper La Torre (Masseria Lama) a Torre dell’Orso dove spendiamo 15€ più docce (50 cent a doccia). Un bel posto, molto curato ma lontano 1,4 km dal centro di Torre dell’Orso, tratto che noi percorriamo tranquillamente a piedi. Ma volendo c’è anche la navetta.

Ovviamente tutto può cambiare: i costi, le aree di sosta, i ristoranti… per cui se avete modifiche, aggiornamenti, consigli o suggerimenti scriveteli in calce a questo Post.

Ciao a tutti da Franco Parla, CAMPERISTA ITALIANO.


 

Premium CardVisiterai la Puglia in camper ?
Cerca le strutture convenzionate con la nostra Premium Card digitale.
scopri Camperisti Italiani Premium,
“un mondo di vantaggi a

 

 

Franco Parla

Franco Parla, viaggiatore da sempre e camperista dal 1991. Numerose le località visitate in lunghi viaggi in camper, prevalentemente in solitaria con la moglie Franca. Dal Marocco a Capo Nord, dalla Siria alla Russia, dalla Giordania alla Turchia. Tutta l'Europa e, naturalmente, l'Italia.