Un camperista a Madeira

Dove Andare
17 Novembre 2019

Un camperista a Madeira.

Parte prima

AMICI CAMPERISTI, un saluto da Franco Parla.
Da pochi giorni sono rientrato dal mio terzo viaggio in camper in Portogallo, durato ben 42 giorni.

Come sapete, qui ormai sono di casa. Se non avete ancora letto i miei suggerimenti e itinerari, vi consiglio di farlo, troverete tutto nel nostro sito

www.camperisti-italiani.com/tag/portogallo

Allora cosa c’è di nuovo in questo articolo? Ecco questa volta, è successo che un camperista come me… è andato sull’isola di Madeira. Ma come, direte voi, in camper?

No, il camper è rimasto in un campeggio in Portogallo, scelta in seguito, rivelatasi azzeccata. Certo, ci sarebbe la possibilità di traghettare il vostro camper imbarco da Portimão, in Algarve (questa è la compagnia: madeira-ferry.pt/en/madeira-ferry) ma oltre ai costi del traghetto decisamente alti, non vi consiglio di recarvi a Madeira in camper per tre validi motivi: strade con pendenze ripide, pochi parcheggi e pressoché assenza di campeggi.

E’ comunque un’escursione facile a prezzi contenuti, che un camperista può benissimo fare da sé quando si trova con il proprio camper in giro per il Portogallo, a condizione di lasciare il mezzo a riposo per qualche giorno.
Allora perché rinunciare ad un’escursione in una fantastica isola vulcanica subtropicale, baciata da un clima mite tutto l’anno? Alcuni amici camperisti con cui ho parlato recentemente, pensano che non sia così semplice.
Niente di più sbagliato, è facilissimo se si hanno le informazioni giuste.
Le domande che mi vengono poste sono le stesse:
Come fare, senza conoscere la lingua?
Come organizzarsi per il volo, l’auto a noleggio (consigliatissima), l’alloggio, i trasferimenti?
Cosa fare? Cosa vedere? E il camper dove lo lascio?
E se ho un cane?
Già, se ho un cane… Ecco, anche in questo viaggio io e Franca non potevamo certo lasciare a casa la nostra cagnolina Olly. Volete saperne di più? Allora partiamo dall’inizio.

Naturalmente la prima cosa da verificare è il volo. Le compagnie più economiche sono: Transavia, EasyJet e quella di bandiera, la TAP che effettuano voli diretti a Funchal, la capitale di Madeira, da Porto e da Lisbona. Indipendentemente che scegliate di partire da Porto o da Lisbona, il volo dura meno di due ore. Io ho scelto di partire da Porto con la TAP (Aeroporto Francisco Sá Carneiro), spendendo circa 80 euro a persona A/R. Nel biglietto è incluso un bagaglio a mano a persona di 8 kg max e una piccola borsa personale (borsetta o marsupio..).
Ulteriore bagaglio ha un costo supplementare.

Se avete un piccolo cane, o gatto, con la TAP può viaggiare in cabina con voi a condizione che, il peso complessivo cane + trasportino, sia inferiore agli 8 kg. Il costo per il cane è di 70 euro A/R.
Il trasportino deve essere morbido.
A noi non hanno verificato il peso del bagaglio a mano ma, sia all’andata che al ritorno, hanno pesato la piccola Olly dentro il suo trasportino.
Ok, adesso che avete il biglietto per il volo, pensiamo al resto.

La seconda cosa da fare è l’alloggio. Questa è la cosa meno impegnativa, sono tanti i siti di riferimento: Booking, Trivago, Tripadvisor, Expedia…
Noi abbiamo scelto un piccolo appartamento perché volevamo una certa libertà, un po’ di spazio e (soprattutto, con un cane) un po’ d’indipendenza.
Dopo attenta ricerca, ho prenotato un appartamento a Funchal, il Sea front apartment – Princesa D. Amélia.
Camera matrimoniale, cucina, bagno e grande soggiorno con divano letto (quindi appartamento adatto a quattro persone) e con due balconi con vista sul porto, dove attraccano il traghetto che va all’isola di Porto Santo e le navi da crociera. E, importantissimo, il posto auto.
L’appartamento si trova proprio di fronte al porto e poco più di un km dal centro, raggiungibile attraverso la bella passeggiata lungomare. Ho pagato circa 65 euro al giorno. Personalmente lo consiglio, arredamento curato ed elegante. L’unica nota negativa, è il ronzio costante dei macchinari del porto. Non è un rumore molto forte, ma di notte un po’ si percepisce.

Ok ora avete il volo e l’hotel (oppure l’appartamento) procediamo alla fase successiva, ovvero:
dove lascio il camper?

inizialmente avevo pensato ad uno dei tanti parcheggi che gravitano intorno agli aeroporti e dispongono di navetta. Infatti avevo inviato alcune mail e ricevuto un paio di risposte positive. Il costo si aggira da 7 a 13 euro al giorno, dipende se lo si vuole tenere al coperto o meno. Mia moglie non era molto contenta di lasciare le chiavi del camper a qualcuno che non conosceva, qualcuno che doveva spostarlo e magari curiosare all’interno.
Allora ho trovato un’altra soluzione. Ho contattato il camping Orbitur – Angeiras, situato a Lavra, a circa 10 km dall’aeroporto Francisco Sá Carneiro di Porto. Mi hanno risposto che potevo lasciare il camper in piazzuola al costo di 7 euro al giorno. Naturalmente senza allacciamento elettrico.

Invece se avessi voluto fermarmi altri giorni per soggiornare, avrei pagato la tariffa standard, con tutti i servizi. Il campeggio è grande ed ha una clientela prevalentemente portoghese. Noi abbiamo prenotato pagando la prima notte coma tariffa standard. Poi successivamente, mentre eravamo a Madeira, il camper è rimasto in campeggio, nella sua piazzuola senza allacciamento elettrico, e per quei giorni, abbiamo pagato il costo concordato, cioè 7 euro al giorno.

Per il trasferimento dal campeggio all’aeroporto, potete prendere un taxi. Il costo è di circa 12 euro a tratta. Eventuale supplemento se la corsa è notturna. Nel nostro caso le corse, sia per l’andata che per il ritorno, erano di notte. Allora, per aver la certezza di arrivare puntuali all’aeroporto, abbiamo prenotato il servizio di transfert privato presso questa compagnia portoairporttransfersto.com  (la consiglio, ha ottime recensioni e noi ci siamo trovati bene) spendendo in tutto 48 euro. Una decina di euro in più rispetto al taxi, ma, avendo il volo d’andata all’alba, volevamo la certezza di avere un’auto riservata, già pronta ad aspettarci davanti al campeggio.

A questo punto manca solo una cosa: l’auto a noleggio.
Di solito, noi prenotiamo sempre l’auto più piccola, come la Fiat 500 o la Panda. In questo caso, visto le pendenze, abbiamo noleggiato una Renault Clio, per avere un po’ più di potenza. Ed abbiamo fatto bene. Le compagnie di noleggio a Funchal abbondano. Quasi tutte chiedono una cauzione e, come consuetudine, c’è uno scoperto in caso di danni. Spulciando sul web, ho trovato una compagnia molto seria, che offre un servizio all-inclusive. Nessuna cauzione, nessuno scoperto, nessuna sorpresa. Anche qui, ottime recensioni
La compagnia ha sede in Funchal, ma, se volete, con un piccolo supplemento ve la consegnano direttamente all’aeroporto. Al vostro arrivo un incaricato vi aspetta con un cartello con scritto il vostro nome. Pagherete direttamente all’incaricato che vi consegnerà l’auto e vi darà tutte le nozioni. Potete pagare anche in contanti, non serve la carta di credito. La compagnia in questione è la “Funchal Easy Rent a Car” il loro sito è funchaleasy.com

Per 5 giorni abbiamo pagato 214 euro, incluso il supplemento per il ritiro e la riconsegna all’aeroporto. Tutto compreso, nessun imprevisto, nessun pensiero. È stata un’ottima scelta.

Ok, ora avete davvero quello che vi serve per visitare questa sorprendente isola portoghese.

Nel prossimo articolo, vi spiegherò cosa fare, cosa vedere, cosa mangiare, cosa bere…
Rimarrete stupiti dalla bellezza di questo gioiello, un’autentica perla nell’oceano atlantico. E allora perché rinunciare? Fateci un pensiero…

Ciao a tutti da Franco Parla, CAMPERISTA ITALIANO

Franco Parla

Viaggiatore da sempre e camperista dal 1991, in questi anni ho viaggiato con quattro camper. Il primo era un usato, un ex noleggio, e dal 2006 giro felicemente a bordo del mio Hymer BC574.